Neonati e colori: come li percepiscono e cosa vedono

 

 

I colori hanno la grande capacità di dare vita e senso alla realtà che ci circonda, e talvolta riescono a creare mondi immaginari se 'manipolati' dalla fantasia dei bambini.

 

Tuttavia i colori possono acquisire diverse sfumature e significati, a seconda che vengano interpretati dagli adulti o dai più piccoli.

 

 

I colori nel mondo dei bambini

colori-e-neonati

Se i colori sono uno strumento per potersi esprimere, allora bisogna porre su di essi grande attenzione quando si tratta di bambini, poiché spesso si rivelano la loro più accessibile e chiara forma di linguaggio.

Gli psicologi infantili, ad esempio, basano buona parte del loro lavoro con i piccoli pazienti sui disegni, frutto della loro fantasia. Le forme che utilizzano, al pari dei colori, dicono molto sul loro stato d'animo, su ciò che sentono, che provano, di cosa hanno bisogno e ciò che invece li spaventa.

In linea generale bisogna sempre tener presente la distinzione tra colori caldi e colori freddi: i primi rappresentano gioia, positività, impulsività, voglia di fare; invece i secondi rivelano calma, pazienza ma anche tristezza e malinconia.

Nei bambini però, i colori assumono significati molto precisi come vedremo di seguito.

 

Colore viola

Il viola è un colore molto usato dai bambini e molto intenso anche nel significato poiché rappresenta la necessità di esprimersi. Un suo utilizzo frequente potrebbe indicare un disagio interiore legato ad un ambiente opprimente, che non permette al piccolo di esprimersi liberamente.

Esso indica ricerca di unità e coesione, comprensione ed equilibrio; il particolare di un'immagine in cui viene usato il viola indica inoltre il motivo o il punto in cui il disagio si manifesta (ad esempio le orecchie viola significano che il bambino non viene ascoltato).

Ma il viola ha anche un'accezione positiva: poiché nasce dal rosso e dal blu, ha in sé anche impulsività e calma, due opposti che stanno ad indicare un inconsapevole equilibrio interiore del piccolo che verrà fuori nel tempo.

 

 

Colore blu

Il blu è il simbolo di profondità e intensità di pensieri e sentimenti.

È un colore carico che indica non urgenza come il viola, ma necessità forte e vera di esprimere le proprie capacità.

Il blu è anche calma totale, quiete, abbandono: si ritiene infatti che abbia un effetto rilassante e rassicurante sul sistema nervoso.

 

Colore azzurro

Anche l'azzurro al pari del blu dona sensazioni positive. È come un bagaglio di sensibilità da cui attingere per percepire la realtà e proiettare in essa la propria interiorità.

Un bambino che utilizza frequentemente questo colore è paziente, tranquillo e sereno, con grandi potenzialità da esprimere.

 

Colore verde

Il verde è il colore della crescita, che indica maturazione intellettuale, fisica e relazionale.

Esso indica tenacia, perseveranza, volontà e determinazione.

Questo è anche il colore dell'io, delle persone focalizzate su se stesse, perché ha un sé tanta energia, carica e tensione. Più la colorazione è scura più esprime tenacia, resistenza e pretesa verso se stessi , viceversa il verde chiaro indica maggior leggerezza.

 

Colore giallo

Il giallo è il colore della scelta, indica la capacità di selezionare e decidere tra le varie opzioni che si presentano nella realtà.

Esso inoltre rappresenta la risoluzione dei problemi e delle situazioni difficili, l'uscita dalla propria individualità per incontrare l'altro e aprirsi al diverso e al cambiamento: un bimbo che lo utilizza è proiettato positivamente verso il futuro.

Uno studio ha anche dimostrato che guardare a lungo il giallo ispira calore e benessere.

 

Colore arancione

L'arancione può essere definito come il colore dell'evoluzione, del passaggio e del progresso consapevole. Compiere una scelta significa lasciare indietro qualcosa perseguendone un'altra: questo colore delinea coscienza nella decisione presa.

Un bambino che utilizza l'arancione sa vivere bene e con fiducia la strada intrapresa, non lascia le cose a metà e non si fa distogliere dai 'fuoriprogramma'.

 

 

Colore rosso

È il colore dell'azione, della potenza, della vitalità: è il più stimolante di tutti e indica voglia di agire, scoprire la vita e avere successo.

Il bambino che utilizza spesso il rosso è energico, impulsivo, ama gli sport e la competizione; è esuberante, talvolta eccessivo nel voler mostrare e dimostrare, per questo il genitore deve saperlo assecondare ma anche calmare, frenando le sue ansie.

Viceversa un bimbo che non lo utilizza potrebbe trovarsi in un periodo di estrema stanchezza, stress e poca voglia di fare.

 

Colore grigio

Il grigio ha un significato perlopiù negativo: indica uno stato di tristezza, angoscia, apatia e ansia. Spesso è associato al nero.

 

Colore nero

Ponendosi sulla stessa linea d'onda del grigio, il nero rappresenta il buio, l'assenza di luce che non permette di vedere né di mostrare e quindi di esprimersi, il nero è il nulla. Esso rappresenta uno stato di oppressione interiore, di paura, di abbandono e disagio che il bambino vive all'esterno e che negativizza i suoi pensieri.

 

Colore rosa

Il rosa rappresenta una ricerca di perfezione, una tendenza all'armonia e alla serenità. È un colore che prevale tra le bambine poiché generalmente hanno una capacità di reagire meglio, in modo più sano e positivo di fronte alle cose.

 

Colore marrone

Il marrone ha una duplice valenza. La tonalità chiara rappresenta la gioia di vivere, la voglia di approcciarsi positivamente e con entusiasmo alle esperienze. Viceversa quella più scura, soprattutto se dominante, cela un forte desiderio di comprensione, benessere, soddisfazione e sicurezza, tutte mancanze che non gli permettono appunto di esprimere la sua gioia.

 

Colore bianco

Il bianco in sé rappresenta liberazione, assenza, silenzio.

Nei disegni però spesso viene preso in considerazione come elemento di separazione tra le forme e i colori, come spazio vuoto appunto. Perciò esso può indicare distanza, mancanza di comunicazione e integrazione.

 

Colore oro e argento

Entrambi questi colori vengono generalmente associati alla purezza, a ciò che è prezioso e nascosto.

Sono poco frequenti nei bambini anche perché difficilmente li trovano a loro disposizione; per questo sarebbe opportuno cercare di inserirli tra gli elementi da loro maneggiati per spingerli a tirare fuori tutto ciò che di più bello e profondo hanno dentro.

 

 

Cromoterapia negli ambienti frequentati dai bambini

colori-e-neonati-cromoterapia

Grazie ai numerosi studi e le ricerche che da decenni si effettuano in questo campo, è ormai comunemente riconosciuto che i colori hanno la grande capacità di influenzare l'umore, soprattutto nei più piccoli. È quanto sostenuto dalla cromoterapia, ossia quella branca della medicina naturale secondo cui i colori riescono a incidere sul sistema nervoso calmando alcuni sintomi, accentuando determinate sensazioni, inducendo particolari stati d'animo.

Perciò il loro utilizzo negli ambienti in cui i bambini trascorrono gran parte del tempo dovrebbe essere ben pensato e curato.

 

Camera blu per sonni tranquilli

Secondo un'indagine svolta da Travelodge, una famosa catena di alberghi britannica, su circa 2.000 camere, è emerso il blu come colore preferito. Esso rilassa e concilia il sonno, inoltre tende a regolarizzare il battito cardiaco e la pressione sanguigna.

Anche le tonalità più chiare come l'azzurro hanno lo stesso effetto: rilassano i muscoli della mente e favoriscono il riposo.

Per questo se avete intenzione di ritinteggiare le pareti della vostra casa, optate per il blu o l'azzurro in camera dei vostri figli: li aiuterete a dormire bene utilizzando delle culle per neonato, in questo modo saranno in forma durante il giorno!

 

I colori per riposare e quelli da evitare

Se le varie sfumature del blu, sono quelle più indicate per il riposo, effetti positivi simili hanno anche il verde e il giallo che danno calore e serenità.

Da evitare decisamente invece il grigio o il marrone, che possono indurre pessimismo, tristezza e depressione.

Sconsigliato è anche il viola, poiché provoca insonnia.

 

I colori nelle altre stanze

colori-e-neonati-come-li-percepiscono

Per una cameretta dove i bambini studiano e fanno i compiti, colori ottimi da utilizzare sono: il verde, colore della crescita e dell'apertura mentale in grado di neutralizzare la tristezza e il grigiore dell'inverno; il giallo, che stimola il cervello e favorisce enormemente la concentrazione e l'attenzione; l'arancione, colore caldo che accentua la luce del sole e mette di buon umore.

In questo caso è invece da evitare il bianco, colore troppo neutro e poco stimolante per i bambini.

Il rosso invece, è un bellissimo colore per le stanze dei giochi poiché da energia e vitalità, ma anche per le cucine in quanto stimola l'appetito e la creatività.

Il grigio e il marrone sono invece da evitare in ogni caso per i bambini: sono troppo seri e severi, e opprimono la loro spensieratezza e serenità.