Colori dell'oro

 

colori-dell-oro

Fin dai tempi antichi, l'oro (così come il diamante - approfondisci: colori del diamante) è stato utilizzato principalmente in articoli decorativi, e il colore dell'oro gioca un ruolo importante in questo campo di applicazione.

La storia dell'oro va di pari passo con l'evoluzione della civiltà umana, influenzandone l'estensione e lo sviluppo fin da quando è stato creato il primo oggetto d'oro.

Il ricco colore giallo dell'oro è sempre stato attraente per l'umanità, e l'oro è stato usato in tutte le parti del mondo, dal lontano 3000 a.c.

L'oro e il rame sono gli unici due metalli che presentano colori: grazie a questa proprietà, le leghe di oro possono essere fatte per assumere una gamma di colori differente, nel tempo infatti sono stati sviluppati diversi metodi per caratterizzare oggettivamente il colore.

Nell'862 A.c. i Lidi usavano monete costituite da una lega d'argento-oro verde nota come "electrum" e composta da 73% in peso d'oro  e 27% in peso d'argento.

Una lega di oro rosso, la combinazione del 70% in peso di rame con il 30% in peso d'argento, fu usata invece durante il periodo dell'Impero Chimu (circa 1300 D.c.) dagli orafi nell'odierna Perù settentrionale. Oggi sono disponibili varie leghe d'oro colorate che danno l'opportunità di creare gioielli unici e oggetti decorativi.

Prima di passare ad elencare le diverse leghe d'oro colorate e le loro proprietà analizziamo nel dettaglio la formulazione e la valutazione del colore nei metalli.

 

 

Colori dell'oro: formazione del colore nei metalli

colore-giallo-dell-oro

Noi percepiamo il colore quando le diverse lunghezze d'onda che compongono la luce bianca interferiscono selettivamente con la materia per assorbimento, diffrazione, riflessione, rifrazione o dispersione, o quando una distribuzione di luce non bianca è stata emessa da un sistema.

La formazione del colore negli elementi metallici e le loro leghe può essere spiegata mediante la teoria della banda. Quando il metallo e la luce interagiscono, gli elettroni della superficie metallica situati al di sotto o sul livello di Fermi assorbono fotoni e entrano in uno stato eccitato rispettivamente sopra o sopra la superficie di Fermi. L'efficienza dell'assorbimento e della riemissione della luce dipende dagli orbitali atomici da cui è originata la banda di energia.

Se i diversi colori della luce bianca vengono riflessi ugualmente bene, si otterrà una luce riflessa bianca. Nel caso dell'oro e del rame, l'efficienza diminuisce all'aumentare dell'energia, risultando in colori gialli e rossastri a causa della riduzione della riflettività all'estremità blu dello spettro.

In alcune applicazioni dell'oro, soprattutto nella gioielleria e nell'odontoiatria, il colore gioca un ruolo importante. Per un tempo molto lungo, il colore è stato stimato visivamente dal produttore, ma questo non è più appropriato, in quanto l'occhio umano è soggettivo.

Ci sono casi in cui il colore è la condizione sine qua non, come quando si seleziona una lega per riparare un oggetto di gioielleria. Tali riparazioni e la gioielleria prodotta in serie di oggi richiedono entrambi un modo oggettivo per misurare il colore. Anche piccole variazioni nel colore di oggetti simili sono un segno di non professionalità e di scarsa qualità.

La necessità di una misurazione accurata del colore ha portato alla creazione di diversi sistemi progettati per valutare il colore. Il sistema Munsell descrive il colore usando tre coordinate: tonalità, croma e valore.

La tonalità è il nome del colore descritto nelle parole (rosso, verde, blu, ecc.), Croma indica l'intensità del colore come separazione da un asse bianco-grigio-nero e il valore descrive il posizione sulla scala bianco-grigio-nero.

Il sistema Munsell si basa sull'occhio umano e i colori sono descritti confrontandoli visivamente con i file standard e trovando la corrispondenza più simile.

Tuttavia, l'industria della gioielleria richiede un sistema per stabilire un punto di riferimento per il colore al fine di consentire una certa uniformità tra i vari produttori.

Il sistema DIN utilizzato come riferimento europeo per il colore dell'oro si basa sul confronto fisico dei colori con un pannello in oro standard.

Gli svantaggi di questo sistema sono che l'identificazione del colore dipende ancora dall'occhio, e i pannelli in oro della caratura inferiore sono soggetti a scolorimento a causa di appannamento nel tempo.

 

sistema-cielab

Per questo nasce il sistema CIELAB, che offre il vantaggio di descrivere matematicamente il colore senza l'intervento dell'occhio umano e fa parte della American Society for Testing and Materials standard sul colore e l'aspetto. CIELAB è un sistema di misurazione del colore riconosciuto a livello internazionale sviluppato dalla CIE (la Commissione internazionale per l'illuminazione) e adottato nel 1976.

 

 

Colori dell'oro: le leghe d'oro colorate

Sei mai stato confuso dai termini oro bianco, oro verde e oro rosa?

L'oro puro è giallo dorato come il sole, quindi come si adattano altri colori? Sono imitazioni? Niente affatto!

Le altre colorazioni dell'oro sono derivate da leghe.

Le leghe sono nuovi metalli che vengono creati combinando due o più metalli diversi.

Anche l'oro giallo standard (il vero colore dell'oro) è costituito da leghe a meno che non sia oro puro 24k. Le leghe d'oro di colore diverso sono altrettanto "reali" delle loro controparti in oro giallo.

L'oro puro è generalmente troppo morbido per essere usato nella forma pura per i gioielli, quindi altri metalli vengono quasi sempre aggiunti ad esso, indipendentemente dal colore dell'oro che viene preparato per la creazione di gioielli.

 

Ecco dunque i principali colori dell'oro che si ottengono dalle miscele con gli altri metalli:

·         Leghe di oro giallo

oro-giallo

L'oro giallo è una combinazione di metalli tra cui oro, rame e argento ed è l'unico colore dell'oro che può essere descritto come 24 carati, le altre leghe dell'oro richiedono altri metalli per creare i loro colori.

Solo occasionalmente è possibile vedere gioielli in oro giallo 24K e 22K, sarà invece molto più frequente trovare oro giallo 18K, 14K e 10K. Queste sono le composizioni dei gioielli in base ai carati:

·        Oro giallo 18 carati:75% di oro fino, 15% di rame, 10% di argento fino;

·        Oro giallo 14 carati:58,5% di oro fino, 29% di rame, 12,5% di argento fine;

·        Oro giallo 10 carati:37,5% di oro fino, 52% di argento, 4,9% di rame, 4,2% di zinco e 1,4% di nichel.

 

·         Leghe di oro bianco e grigio

oro-bianco

Le leghe di oro bianco sono state originariamente sviluppate come sostituti del platino e sono comunemente usate nell'industria della gioielleria per la creazione di diamanti, combinazione di gioielli bianchi / gialli e fermagli (placcati in oro giallo) per colletti di alta qualità grazie alla loro elevata resistenza. Queste leghe sono state utilizzate meno delle leghe d'oro colorate in passato, ma le tendenze della moda e l'aumento del prezzo dell'oro nel 1972-1973 hanno portato alla ribalta gioielli in argento e oro bianco.

Il nichel può essere miscelato con l'oro per creare un colore bianco (o grigio), ma sappi che il nichel può causare dermatiti in alcune persone (il nichel è un allergene piuttosto comune).

Il palladio è un altro metallo usato per creare leghe d'oro bianco, è più costoso del nichel, ma è meno probabile che causi reazioni allergiche.

Esso è utilizzato in molti gioielli vintage dell'Art Deco, quindi scoprirai che il colore è più grigio che giallo. Dal momento che è più grigio, i gioielli vintage non hanno bisogno di un rivestimento al rodio come fanno molti gioielli moderni in oro bianco.

Una volta che il rivestimento in rodio si esaurisce, il tuo anello però sarà opaco e giallo.

 

·        Leghe di oro rosa  e rosso

oro-rosa

L'oro rosa è una miscela di oro e rame.

E più il rame è nel mix, più il rosso "scuro"  diventa oro rosa. Generalmente avrai oro rosa 14K e 18K tra cui scegliere:  l'oro 14K contiene  meno oro puro dell'oro a 18 carati, quindi quando parliamo di oro rosa c'è più spazio per il rame in oro 14 carati rispetto all'oro a 18 carati.

L'oro rosa 14 carati tende ad essere caldo e roseo mentre l'oro rosa 18 carati è un colore più morbido, come lo champagne tinto di rosa.

 

Ecco alcuni esempi del contenuto di metallo presente nelle leghe di oro rosa:

·        Oro rosa 18 carati:75% di oro fino, 22% di rame, 1% di zinco e 1% di argento fino;

·        Oro rosa 14 carati:58,5% di oro fino, 36% di rame, 2,5% di argento fine e 1% di zinco.

 

 

·         Leghe di oro verde

oro-verde-electrum

L'oro verde è conosciuto fin dall'antichità con il nome di electrum.

L'elettrone è una lega naturale di argento e oro  ed è più di un giallo-verdastro piuttosto che verde.

L'oro verde è usato per creare un contrasto di colore con altre leghe d'oro in pezzi di gioielli multicolori, come ciondoli e così via.

La sfumatura verdastra è appena percepibile: la maggior parte delle leghe di oro verde sono basate su un sistema tradizionale in oro-argento-rame e solitamente contengono alte concentrazioni di argento. Le leghe di oro verde generalmente sono abbastanza morbide.

Di recente anche lo zinco è stato utilizzato nel mix.

 

·        Leghe di oro viola

oro-viola

L'oro viola è un composto intermetallico.

Questi sono un gruppo speciale di materiali con proprietà molto diverse dai singoli metalli che li costituiscono: di solito sono fragili, il che rende il loro uso in gioielleria non esattamente desiderabile. I metalli intermetallici, come l'oro viola, possono tuttavia essere sfaccettati e usati come pietre preziose o intarsi. L'oro viola è formato dal 79% di oro e il 21% di alluminio.

 

·        Leghe di oro blu

oro-blu

L'oro blu è un altro composto intermetallico.

È composto per il 46% di oro (circa 12 carati) e il 54% di indio e ha una leggera dominante bluastra. Un oro blu zaffiro profondo può essere creato legando oro puro con rutenio, rodio e altri elementi.

Il contatto diretto di elementi in oro blu e viola con la pelle è da evitare in quanto l'esposizione al sudore può causare  scolorimento della superficie metallica.

 

·        Leghe di oro nero

oro-nero

Esistono molti metodi per la creazione di oro nero, come la placcatura elettrolitica con rodio o rutenio, ossidazione e patinatura. L'oro puro può essere miscelato con cobalto e quando viene riscaldato a una certa temperatura forma uno strato di ossido nero, altre ricette aggiungono il cromo.

L'oro nero viene sempre usato come trattamento superficiale.

 

Con quale colore dell'oro investire?

investire-in-oro-giallo

L'oro è da secoli, se non da millenni, il metallo prezioso per "antonomasia", è il più richiesto ed il più scambiato...e lo sarà anche per gli anni a venire. Il prezzo dell'oro tende ad essere stabile nel tempo ed è per questo motivo (ma anche per altri) che viene considerato un "bene rifugio" e un investimento sicuro. Masu quale tipologia di oro conviene investire e di conseguenza quale colore scegliere? i broker professionisti (potete approfondire su www.migliorbrokerforex.net) senza pensarci troppo vi risponderebbero "oro fisico" e quindi lingotti e monete in oro puro (e quindi giallo) e per oro puro parliamo di 999, 9 millesimi (praticamente quasi 100% oro).